25 Febbraio 2021
News

HVAC: Quali filtri intercettano il Sars-Cov-2?

20-01-2021 15:37 - Air conditioning (HVAC)

Il virus Sars-Cov-2 che da origine al Covid19 è molto piccolo, circa 0,16 micron di diametro, ed è contenuto all'interno di goccioline respiratorie chiamate "droplets."

Gli studi indicano che tipicamente i "droplets" emessi da coloro che soffrono di infezioni respiratorie hanno una dimensione che va dal visibile (goccioline che tutti siamo in grado di vedere), a quelle invisibili ai nostri occhi da 0,5 micron a un massimo di circa 15 micron con la maggior parte della distribuzione dimensionale nelle dimensioni inferiori.

Altri studi effettuati su virus comuni suggeriscono che i "droplets" da 1,0 micron sono in grado di trasportare abbastanza virus da causare infezioni.

Dal punto di vista della filtrazione, dunque, i "droplets" sono le particelle che devono essere rimosse dall'aria.

Le autorità hanno raccomandato filtri con classificazioni MERV pari ad almeno MERV-13 o MERV-14, ovvero F7 o F8 per la CEN EN779, per adattarsi al normale funzionamento nelle condizioni di unità in spazi pubblici come edifici commerciali e alcune aree all'interno degli ospedali, per esempio.

Attenzione, però, perchè il filtro dell'aria è un componente del complesso sistema di condizionamento progettato per realizzare le corrette condizioni microclimatiche e di ventilazione di un edificio. Aumentare l'efficienza di cattura delle particelle può non essere necessariamente una soluzione che riduca il rischio di infezione.

Infatti, i filtri dell'aria con livelli di efficienza più elevati spesso presentano cadute di pressione più elevate che possono ridurre i cambi d'aria all'ora ed influenzare anche l'umidità. Questi filtri possono, poi, anche essere fisicamente più grande di filtri con rating inferiore, quindi è importante verificare che il sistema HVAC sia dotato dei telai necessari per garantire una tenuta ermetica e che i ventilatori siano in grado di vincere la resistenza aggiuntiva per la maggiore caduta di pressione.

Alcuni sistemi esistenti potrebbero quindi non essere adeguati per una filtrazione a più stadi o per resistere alla caduta di pressione maggiore che verrebbe a crearsi con filtri HEPA. In alternativa, si consideri l'aggiunta di un purificatore d'aria autonomo con un minimo di F9.

Va ricordato che i soli filtri presenti su climatizzatori split e fancoil, non sono adeguati per la filtrazione di queste particelle. Detto questo è sempre vivamente consigliato eseguire periodicamente una manutenzione adeguata anche a questi particolari che altrimenti favorirebbero l'insorgenza di ulteriori problemi.

fonte:
Assofrigoristi

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio